Cena fuori


Dal momento della diagnosi fino ad ora, ho lasciato in qualche modo che fosse la celiachia a decidere cosa potessi o non potessi fare.

L’esempio più eclatante è stato il problema che ho avuto a capodanno nel decidere dove andare, non volendo portare qualcosa preparato da me per cena in casa di altri,  non conoscendo gli invitati e lasciando,  così , che questo problema alimentare mi condizionasse molto, soprattutto psicologicamente.

Bene, tutto questo preambolo per dire che in questi giorni c’è stato un cambiamento. Sono stata invitata a cena da alcune persone che conoscevo già , sì , ma con cui non avevo e non ho un grande rapporto. Dovevamo essere in molti, e spiegare ai padroni di casa cosa potessi o non potessi mangiare, non sarebbe stato facile,  specialmente per le contaminazioni.

Quindi la cosa più semplice da fare è stata portarmi qualcosa di pronto da casa :ho comprato una di quelle paste della Schär che vanno solo messe al forno e nient’altro.

Credevo che fosse terribile trovarmi a cena con tutti gli invitati  che mangiano le stesse cose,  mentre io ho una vaschetta di cartone con i miei tortellini gluten free. Invece devo ammettere che non mi sono sentita strana o in imbarazzo, anzi, nel momento in cui non sapevo di cosa parlare, ho avuto a disposizione la celiachia, un argomento su cui ho molto da dire 🙂

P. S. questo non vuol dire che andrò senza problemi a cena con persone che conosco poco e niente portandomi dietro le mie cose, ma è un inizio,  un passo avanti per far si che sia io a decidere dove andare e non la celiachia.

Cena fuoriultima modifica: 2016-03-18T12:16:56+00:00da eligi2493
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento